Ricette per tutti
 La cucina del web !!!

 Domenica 19 novembre 2017

 

antipasti primi sceondi contorni dolci frutta

 

 

    DOSSIER >> UOVA, COLOMBE E ...

    LE RICETTE DI PASQUA     ...DOLCI E COLOMBE  
             
   Torta Pasqualina    Colomba al cioccolato  
   Torta Pasqualina al formaggio    Colomba mascarpone e cioccolato  
   Torta Pasqualina ai carciofi    Colomba allo zabaione  
   Agnello al cognac    Colomba alla fragola  
   Agnello con rape    Uova di cioccolato al gelato  
   Agnello in salsa    Torta a nido di pasqua  

Uova, colombe e ....

Ogni anno la Pasqua cade fra il 22 marzo e il 25 aprile ed è sempre la domenica seguente il primo plenilunio di primavera. E' la festa della primavera, quindi, ma soprattutto in questo giorno si celebra la resurrezione di Cristo. Per questo motivo durante la settimana Santa (settimana che precede la Pasqua) si susseguono molte celebrazioni in tutto il mondo latino e questo avvicina tutti, chi più e chi meno, alla religiosità popolare che tira fuori in noi il senso del sacro che abbiamo dentro. Riguardo a questo giorno di festa ci sono molte tradizioni come quella di mangiare le uova che un tempo venivano addirittura portate a benedire per propiziare l'abbondanza. La tradizione dell'uovo di Pasqua è antichissima. I persiani, 3000 anni fa, già consideravano l'uovo di gallina un segno augurale e simbolo della rinascita della natura. In Russia e nell'Europa orientale, la Pasqua è la festa di tutte le feste perché in queste terre fredde la primavera segna il ritorno alla vita e alla felicità e anche per loro l'uovo era diventato simbolo di rinascita e veniva regalato come dono propiziatorio. Per i primi Cristiani invece, l'uovo rappresentava la resurrezione di Cristo e dopo ogni messa di Pasqua venivano distribuite ai cristiani le uova benedette. Attorno al XV secolo venivano servite a pranzo le uova sode dipinte a mano ed in molti paesi europei si diffuse la tradizione di servire per colazione un omelette fatta con le uova deposte dalle galline il venerdì santo. Tale usanza durò fino a che Luigi XIV inventò l'uovo di cioccolato, anche se alcuni sostengono che quest'ultimo ci è pervenuto dall'America perché il cioccolato è una pianta d'origine messicana. Nei Paesi dell'est ancora oggi il guscio delle uova viene decorato con ricami preziosi o con fiori e foglie, mentre gli slavi lo decorano con oro e argento e gli armeni ci dipingono i santi. In Grecia vengono dipinte di rosso, mentre in Austria e Germania di verde per rappresentare la natura che sta sbocciando. Ma tra tutte queste uova le più importanti saranno sempre quelle degli zar che alla fine del 1800 hanno fatto confezionare da un famosissimo gioielliere Fabergé; queste uova sono tutte in materiali preziosi e decorate con gemme dove all'interno venivano messe sorprese in oro. Le decorazioni più "povere" ma ugualmente bellissime, sono quelle africane dove con stoffe variopinte vengono abbellite le varie chiese dove nel giorno di Pasqua vengono celebrate messe cantate e ballate. Come abbiamo visto l'uovo è per tradizione il più famoso simbolo della Pasqua, ma a Pasqua si usa anche mangiare l'agnello, che un tempo invece, veniva sacrificato agli dei per conquistarsene i favori. La tradizione della colomba invece sta a ricordare la pace che tornò fra Dio e gli uomini dopo il diluvio universale, infatti fu proprio una colomba a tornare nell'arca con un ramoscello d'ulivo nel becco.

Pasqua in casa e in cucina

Anche a Pasqua come per il Natale possiamo addobbare la nostra casa, basta mettere fiori e uova colorate sparsi qua e là ed anche per abbellire la nostra tavola in questi giorni di festa, dato che sono proprio simboli pasquali. Tra i fiori preferiti ci sono i rami di pesco e i fiori di campo, che iniziano a sbocciare in questo periodo, magari legati con fiocchi colorati. Per quanto riguarda le uova si possono mettere in piccole coppette sparse per la casa oppure usati come segnaposto; potranno essere di zucchero, di cioccolato o uova sode decorate da noi con colori appositi o con decalcomanie. Ad esempio nella tradizione ebraica per Pasqua la preparazione della tavola è accuratissima. Le donne mettono al centro tavola un cesto con 3 panini azzimi, 1 zampa di pollo, cicoria cotta, 1 scodella con l'aceto, 1 uovo sodo e una specie di conserva che ricorda il cemento impiegato dagli ebrei per costruire l'Egitto. L'uovo, invece, in questo contesto rappresenta la perfezione e la fecondità.

In cucina non esiste un vero e proprio pranzo tradizionale, ma ogni regione ha le sue specialità che vengono preparate proprio per questa occasione. Nel Lazio c'è l'abbacchio, in Campania il casatiello... però come abbiamo già detto all'inizio del nostro dossier l'unica tradizione conosciuta un po' dappertutto, oltre alle uova e alla colomba dolci tipici della festa, è l'agnello che viene preparato in mille modi e accompagnato da altre mille ricette.

 

 

Torna su

 

Home

 

Home page