Ricette per tutti
 La cucina del web !!!

 Giovedì 21 settembre 2017

 

antipasti primi sceondi contorni dolci frutta

 

 

      DOSSIER >> IL SEDANO

 

Il sedano è una verdura con gambo a coste verde intenso e ciuffi di foglie verde-scuro. Nei gambi di sedano si nasconde un vero e proprio tesoro di sapori e proprietà. Il suo valore energetico è bassissimo (100 gr. di sedano = 20 cal.) e quindi se ne può mangiare a volontà anche se però contiene molto sale e quindi non tutti ne possono abusare. E' ricco di vitamine, di acqua, proteine, lipidi, magnesio, zolfo e molto potassio (sale minerale) ed è ben vista dai regimi alimentari anche perché è un vegetale che impegna a lungo la masticazione.

E' molto usato in cucina in bagnacauda, umidi, minestre, salse, soffritti, pinzimoni, insalate... anche se usato crudo può risultare indigesto. Ne esistono molte varietà diverse l'una dall'altra e più adatte ai diversi scopi.

IL SEDANO BIANCO O SEDANO DOLCE

Ha coste bianche, voluminose e alte; non è molto aromatico, ma il suo odore è concentrato soprattutto sulle foglie perché contengono tanti oli essenziali come il limonene e la sedanolide. E' ideale per il pinzimonio perché è delicato.

IL SEDANO VERDE

E' più piccolo del sedano bianco, si trova dall'estate all'inverno. E' molto aromatico e bastano pochissime foglie perché l'aroma è molto forte per aromatizzare zuppe, minestroni, soffritti, insalate oppure tritate per condire legumi, bolliti di carne e pollo. Contiene inoltre sostanze afrodisiache.

IL LEVISTICO O SEDANO DI MONTE

E' un derivato del sedano verde infatti anche questo tipo è molto aromatico e viene usato soprattutto nella composizione dei dadi da brodo vegetali.

SEDANO RAPA O SEDANO DI VERONA

E' una verdura invernale, ha radici molto grandi con polpa bianca, tenera, aromatica e quando lo si cucina viene tolto il ciuffo e di solito viene tagliato a fette o a julienne. Non ha un aroma forte ma è più pastoso rispetto agli altri, in questo è simile alla patata. Quando lo si mette nelle insalate si ossida facilmente ma questo problema si può risolvere con l'aggiunta di gocce di limone che hanno un'azione antiossidante. Contiene molti più zuccheri degli altri e viene usato anche macinato per ottenere dei purè più saporiti.

SEDANO SELVATICO

Da questa varietà derivano tutte le altre; cresce spontaneo nei luoghi paludosi, lungo i litoranei e nei luoghi salmastri. E' più piccolo con odore molto intenso e sapore amaro. Per questi motivi di solito non viene consumato fresco ma essiccato.

Un ultimo consiglio!!!

Quando si acquista un sedano deve essere bello sodo e croccante. Per mantenere queste qualità quando lo si cucina, se non lo si mangia appena comprato, basta tagliarlo a striscette piccole e metterle a bagno per 2 ore in acqua fredda. Comunque in frigo è bene conservarlo chiuso in un sacchetto per verdure o surgelarlo tagliato a cubetti.

Contenuti in 100  grammi di sedano

        Acqua       (gr.)

 Sodio (mg.)  Potassio    (mg.)   Proteine     (gr.) Vitamina C (mg.)  Lipidi  (gr.)    Calorie     (kcal.)

88,3

140

280

2,3

32

0,2

20

 

 

Torna su

 

Home

 

Home page