Ricette per tutti
 La cucina del web !!!

 Giovedì 27 luglio 2017

 

antipasti primi sceondi contorni dolci frutta

 

 

    DOSSIER >> ROTONDI E ROSSI EVVIVA I POMODORI

 

Il pomodoro è una pianta erbacea rampicante della famiglia delle solanacee che fa del piccoli fiori gialli a grappoli con frutto, come tutti noi sappiamo, rosso con polpa rossa acquosa contenente semi gialli. Il pomodoro è originario dell'America e fu portato in Europa dai conquistadores e in Italia fu introdotto dagli spagnoli nel regno di Napoli e poi si diffuse dappertutto specialmente nelle regioni con clima temperato e con moltissimo sole. I pomodori si trovano tutto l'anno anche se i migliori sono quelli compresi nel periodo tra maggio, giugno e ottobre; al di fuori di questo periodo la maggior parte sono farinosi e insipidi perché coltivati in serre.

Oggi il pomodoro è uno degli ortaggi che consumiamo di più anche perché contiene solo 20 calorie per 100 gr. ed è uno dei componenti base dell'alimentazione mediterranea che si abbina bene con tantissimi cibi come pasta, riso, formaggi e uova.

Il pomodoro contiene carboidrati, proteine, grassi, acido malico e tartarico, sali minerali come potassio (minerale indispensabile per la contrazione muscolare e funzionalità cardiaca), sodio, magnesio, calcio, ferro, rame, fosforo, zolfo, cloro, vitamine A , B2, B6, K e C. La vitamina C rinforza le difese immunitarie dell'organismo per prevenire influenza e raffreddori ma purtroppo si distrugge con il calore, con la cottura  o se il pomodoro non è più freschissimo. Elemento molto importante contenuto in esso è il licopene di cui è ricchissimo; è una sostanza che da all'ortaggio il colore rosso che appartiene alla famiglia dei carotenoidi. Sono sostanze che proteggono la nostra pelle e che ci difendono dai raggi del sole, e che quindi combattono i radicali liberi, si può dire che è una cura di bellezza naturale. Il licopene è liposolubile e viene assorbito meglio dal nostro organismo se accompagnato ad un condimento grasso come l'olio d'oliva.

Il pomodoro è largamente usato in cucina e in cosmesi. In cucina bisogna evitare di mangiare pomodori crudi in inverno o utilizzare quelli troppo verdi o non maturi per le insalate perché sono ricchissimi di solanina che è un alcaloide tossico per il sistema nervoso contenuta anche in altri ortaggi. Bisogna in oltre ricordare che in qualsiasi modo si cucina  un pomodoro, si consiglia sempre prima di sbucciarlo perché nella buccia sono contenute la maggior parte di sostanze irritanti per lo stomaco. Per togliere al meglio la buccia, che potrebbe risultare difficile, incidete la base con una crocetta e togliete il picciolo, poi immergeteli per qualche secondo in acqua bollente e poi per qualche altro secondo in acqua fredda, così facendo la buccia si staccherà da sola. Alcune ricette con i pomodori sono la "pappa al pomodoro" (tipica della Toscana) che è una crema poco calorica, "pomodori farciti al forno" che possono costituire un piatto unico o un secondo più ricco di proteine e calcio; in più in cucina si possono fare anche dei piatti con i pomodori secchi che sono poco calorici ma ricchi di licopene anche se dopo la seccatura perdono la vitamina C.

Le varietà dei pomodori sono numerose e diverse per forma, grossezza e colore del frutto, per caratteri diversi della polpa e per grado di maturazione.

Le più importanti varietà sono:

  • costoluto: è di color rosso-verde, tondo e carnoso con pochi semi; è ottimo in insalata. Fa parte di questa famiglia il Primaticcio di Palermo.
  • costrutto: è rotondo e liscio; può essere usato per fare delle conserve.
  • a grappolo: è liscio, rotondo, facile da sbucciare ed è adatto per insalate, salse o per essere farcito.
  • ciliegia: è simile a quello a grappolo, ma molto piccolo; è rosso con buccia spessa ed è ottimo come aperitivo, in insalata, per la conservazione, come contorno a pesci al cartoccio o per condire la pasta.
  • cuore di bue: costoluto, con pochi semi e polpa dolcissima.
  • perino: ha forma di pera allungata, rosso con molta polpa; è il tipico pomodoro da sugo o da conserva, ma è ottimo anche mangiato crudo. Fanno parte di questa famiglia il S.Marzano e il Super di Napoli che ha polpa saporita e carnosa.
  • sardo: è un pomodoro invernale; è rotondo con buccia resistente, è ottimo crudo in insalata per accompagnare pesce, aragosta o carni grasse.
  • verde: è di color verde smeraldo, è molto profumato e con pochi semi; ha sapore dolce ed è ottimo con il pesce, impanato e fritto.

Qualsiasi pomodoro compriate l'importante è che sia ben maturo, consistente, colorato uniformemente e senza macchie.

 

 

Torna su

 

Home

 

Home page