Ricette per tutti
 La cucina del web !!!

 Domenica 19 novembre 2017

 

antipasti primi sceondi contorni dolci frutta

 

 

     DOSSIER >> LE PERE

 

 Dalla forma piuttosto bizzarra: arrivano le pere !!!

Il pero è originario dell’Asia centrale e del Caucaso; si dice che la sua coltivazione risale a 4.000 anni fa e che quindi era già coltivato nell’antica Grecia e nell’antica Roma. Attualmente ne esistono circa 5.000 varietà ma solo qualche decina di queste viene coltivata industrialmente; quest’ultime si possono dividere principalmente in quattro gruppi in base alla loro utilità: da tavola, da cuocere, da marmellata e da sidro. In Italia si coltivano maggiormente quelle da tavola e vengono coltivate soprattutto in Emilia, in Trentino e in Veneto. Tutte queste varietà si possono ulteriormente dividere in altri tre gruppi. Andiamoli a vedere.

 PERE ESTIVE (da luglio a settembre)

  • Spadona: ha forma allungata, buccia giallognola, polpa succosa ed è poco conservabile.
  • Williams: ha buccia verde sfumata di giallo e rosso con polpa dolce; è la più nota e la più usata industrialmente per il suo profumo e per la sua polpa bianca senza granulosità. Viene principalmente usata per fare grappe, sciroppi e succhi.
  • Conference
  • Gentile
  • Putizza

 PERE AUTUNNALI (da ottobre a dicembre; sono le più succose, sode e zuccherine)

  • Kaiser: ha buccia color ruggine, polpa soda, compatta e dura; è ottima cotta.
  • Buona Luisa: è di piccole dimensioni con buccia verde sfumata di rosso e polpa dolce.
  • Abate: ha forma allungata con buccia verde-gialla, polpa succosa e zuccherina.
  • Colmar

 PERE INVERNALI (da dicembre ad aprile)

  • Passacrassana: ha forma rotonda ed è di grandi dimensioni
  • Decana
  • Bergamotta

La pera è ricca di acqua (88%), levulosio che la rende tollerabile ai diabetici, tannino, vitamine del gruppo B e C, zuccheri, sali minerali, potassio, fosforo, calcio, magnesio, sodio, zolfo, cloro, zinco, rame, ferro, nichel, manganese, iodio, acidi organici, pectine e fibre. Ha un basso apporto calorico 40 kcal. per 100 grammi di prodotto, se è candita 290 kcal. per 100 grammi e se è sciroppata 85 kcal. per 100 grammi. La pera è anche molto digeribile purché sia matura.

 Le pere si consumano, di solito, fresche, da sole o in macedonia, sciroppate e candite ma ci si possono fare tantissime cose: crostate, torte, dolci al cucchiaio, gelati, sorbetti, spumoni, confetture, gelatine, grappe e sidri. Si usano anche nelle insalate, nei risotti, nei secondi, ad esempio quelle più acidule con la carne; l’importante è che prima di ogni preparazione vengano spruzzate con succo di limone per evitare che anneriscano.

Un ultimo consiglio per l’acquisto e uno per la conservazione!!!

Quando si acquista una pera, la buccia deve essere integra senza ammaccature e se la premete con un dito, questo non deve cedere perché vuol dire che è troppo matura. Quindi sempre meglio acquistarla piuttosto dura e far completare la maturazione in casa a temperatura ambiente.

Invece per conservarle al meglio per più giorni quando sono già mature, mettetele nella parte meno fredda del frigo magari dentro un sacchettino di carta.

 

 

Torna su

 

Home

 

Home page