Ricette per tutti
 La cucina del web !!!

 Martedì 22 agosto 2017

 

antipasti primi sceondi contorni dolci frutta

 

 

    DOSSIER >> GELATO E SEMIFREDDO: PRINCIPI DELL'ESTATE

 

Tutti lo cercano e lo vogliano; è uno dei pochi alimenti che nella storia ha incontrato così tanti consensi. Ma non tutti sanno che il gelato è nato accidentalmente, da un colpo di ingegno del pasticcere del re Carlo I d'Inghilterra. Un giorno costui decise di aggiungere latte e uova a dei miscugli di neve, frutta e zucchero che in tempi antichissimi venivano mangiati in molte parti del mondo. Carlo I si innamorò subito di questa fresca delizia dal sapore gradevole e non smise più di ordinarlo nei sui pranzi di corte. Ma chi diffuse questa invenzione fu la Francia, tramite un italiano, proprietario di  un caffè a Parigi famoso in tutta Europa, che iniziò a distribuire gelati di vari gusti e colori perché capì che il gelato si sposava benissimo sia con frutta varia che con creme. La fortuna del gelato è anche molto da attribuire alla scoperta nel 1600 del cacao importato dal Messico perché con questa combinazione diventava celestiale e poi il cacao era giudicato sublime quanto una droga poiché chi lo mangiava non riusciva più a smettere.

Nel 1900 il gelato entrò, grazie agli Stati Uniti, nella produzione industriale e grazie anche all'invenzione e diffusione dei refrigeratori il gelato è sempre presente anche nelle nostre case.

L'Italia però rimarrà sempre la patria del gelato DOC. Un tempo il gelato era considerato un peccato di gola, un piacere estivo; oggi però la scienza dell'alimentazione dice che è un elemento di alto valore nutritivo ed energetico, quindi per i più piccoli è un'ottima merenda, agli sportivi da energia e agli anziani inappetenti integra un pasto anche perché è molto digeribile. Il gelato contiene proteine omogeneizzate, quindi più assimilabili, e calcio proveniente anche dalle uova in esso contenute; inoltre quello alla frutta contiene vitamine, sali minerali e in più stimola la digestione. Contiene anche zuccheri sopratutto il saccarosio e il lattosio che forniscono energia e sono molto assimilabili; ma il gelato fa bene ed è adatto a chi è a dieta perché è poco calorico. Il gelato alle creme può sostituire addirittura un pranzo perché oltre ad essere poco calorico è nutriente, ma non deve aggiungersi al pranzo. Tre palline di gelato a base di frutta non superano le 150 calorie, ma se aumentiamo le porzioni e se aggiungiamo la panna montata, la frutta secca o altre guarnizioni il conto delle calorie si alza rapidamente. Ad esempio un "mangia e bevi" arriva fino a 1200 calorie e sostituisce più di un pasto completo e ricchissimo. 

Una specie di gelato è il sorbetto che è di origine araba e viene fatto con gelato di frutta aromatizzata con vini, spumanti e liquori e non subisce un processo completo di congelamento infatti ha consistenza semidensa.

VALORI NUTRIZIONALI   x 100 gr.

Gusti Calorie Zuccheri (gr.) Proteine (gr.) Grassi  (gr.) Carboidrati (gr.) 
 Crema 189 27,2 4,5 8,2 -
 Cioccolato 291 34,9 5 16 33,8
 Frutta 100 21 1,4 1,7 21,3

Simile ma non identico è il semifreddo. Possiamo dire che il semifreddo è il gelato nella pasticceria. E' molto più semplice da fare in casa perché non necessita di una gelatiera ma serve soltanto il congelatore. La caratteristica principale del semifreddo, che è anche quella che lo distingue dal gelato, è la panna contenuta in esso che serve a renderlo spumoso e soffice; inoltre contiene uova, zucchero, frutta o cioccolato o creme varie.  Mentre nel gelato la panna viene sostituita con il latte se è un gelato alle creme o con acqua e frutta se è un gelato alla frutta. 

 

 

Torna su

 

Home

 

Home page